Editoriale

Saggi

Fabiano Colombini
Crisi finanziaria. Origini, riflessi e prospettive

Sintesi

Crisi finanziaria. Origini, riflessi e prospettive

Criteri irrazionali nell’erogazione dei prestiti innalzano il rischio di credito sul portafoglio prestiti e, nel contempo, criteri irrazionali nel trasferimento del rischio di credito mediante securitisation e/o credit derivatives moltiplicano il rischio di credito sul portafoglio strumenti finanziari sfociando nella subprime mortgage financial crisis, iniziata negli Stati Uniti nel 2006, accentuatasi nel 2007 e 2008 e diffusasi agli altri paesi del mondo e tuttora in corso.
Prestiti a clienti di pessima qualità e successiva applicazione della securitisation e/o dei credit derivatives, insieme all’andamento negativo del mercato immobiliare, producono ripetute insolvenze e, per conseguenza, perdite di valore nelle ABS strutturate e/o nei credit derivatives e, quindi, nell’attivo di bilancio, sollevando problemi di crisi, ricapitalizzazione e fallimenti a più riprese.
Banche commerciali, banche di investimento, assicurazioni, hedge funds e altri intermediari contribuiscono alla crisi finanziaria sia mediante la creazione di prestiti e strumenti finanziari di pessima qualità sia mediante il loro collocamento e la loro negoziazione sui mercati finanziari.
Il superamento della crisi finanziaria risulta particolarmente importante per le banche riprendendo nell’applicazione di sani criteri nella composizione e gestione dell’attivo, eliminando restrizioni nell’erogazione del credito e, quindi, recando positivi impatti sull’economia reale. Tale circostanza è legata alla quantificazione dei toxic assets insieme alle iniziative private e pubbliche per la loro rimozione dai bilanci degli intermediari finanziari nel loro insieme.

Abstract

Financial crisis. Causes, effects and perspectives

Irrational criteria in granting loans increase the credit risk of the loans portfolio and, at the same time, irrational criteria in the credit risk transfer by securitisation and/of credit derivatives multiply the credit risk of financial instruments portfolio leading to the subprime mortgage financial crisis, which started in the United States in 2006 and is still continuing through our days, introducing recapitalisation problems and failures.
Commercial banks, investment banks, insurance companies, hedge funds and other intermediaries contribute to the financial crisis through increasing loans and financial instruments of poor quality and through the placing and trading in financial markets.
Overcoming the financial crisis is particularly important for commercial banks which will again apply rational criteria in the assets management, eliminate restrictions in granting loans and therefore have a positive impact on the economy. This is linked to the estimation of toxic assets and at the same time to the private and public intervention to remove toxic assets out of the balance sheets of financial intermediaries.

Vincenzo Formisano
Analisi del clima organizzativo: il caso di un istituto di credito

Sintesi

Analisi del clima organizzativo: il caso di un istituto di credito

I cambiamenti strutturali intervenuti nel sistema finanziario hanno ampliato le possibili traiettorie evolutive delle organizzazioni che in esso operano, portando, al contempo, ad una riqualificazione del rapporto tra intermediari, soprattutto bancari, e imprese. Segnatamente emergono nuovi e variegati comportamenti degli intermediari: alcuni puntano su una presenza significativa su molteplici mercati, secondo un approccio imprenditoriale di tipo differenziato al contesto di riferimento; altri incentrano l’operatività su specifiche linee di prodotto o segmenti di clientela, secondo un approccio essenzialmente di tipo concentrato. L’importanza riconosciuta al Know-How quale “driver” del successo di un’impresa è confermata dall’enfasi sul ruolo strategico che le risorse immateriali, ed in particolare le risorse umane, possono ricoprire nei processi volti alla creazione di valore prospettico. Da questa consapevolezza nasce l’esigenza di un riesame strutturale dei sistemi professionali, delle modalità di organizzazione del lavoro e delle prassi di gestione e sviluppo del personale adottate dall’impresa. La “centralità” delle risorse umane nei processi aziendali emerge non solo in virtù di considerazioni meramente etiche, ma perché la competitività ed il raggiungimento di un vantaggio sostenibile nel tempo, derivano dal possedere risorse uniche e difficilmente imitabili dalla concorrenza ed oggi la risorsa che più di ogni altra riesce a soddisfare queste caratteristiche è quella umana. Obiettivo del presente lavoro è quello di studiare il significato, le caratteristiche e gli strumenti di analisi del clima organizzativo negli istituti di credito e verificarne gli effetti sulle risorse umane. Lo studio si conclude con la presentazione di un caso aziendale.

Abstract

Analysis of organizational atmosphere: the case of a credit institution

The structural changes that have taken place in the financial system have broadened the range of possible evolutionary trajectories of the organizations that operate in it, leading, at the same time, to an upgrading of the relation between intermediaries, especially banks and companies. In particular there are new and varied behaviors of intermediaries: some focus on a significant presence on numerous markets, according to a differentiated business approach regards the context of reference, others focus their business on specific types of products or clients, according to a fundamental concentrated approach.
The importance given to the Know-How as the "driver" of a company's success is confirmed by the fact that among the most recent and reliable studies, the leading position has been achieved by the perspective which emphasizes the strategic role that intangible resources, in particular, human resources, have in creating the value prospect. It is from this awareness that the need for a structural review of professional systems, methods of work organization, management procedure and staff development arises. The "centrality" of human resources in business processes has emerged not only because of purely ethical considerations, but because it has become the main feature of the most important process of strategic planning: competitiveness and achievement of advantage sustainable in time, which all derive from having unique resources, difficult for competitors to imitate. Nowadays the only resource able to satisfy these characteristics is human resources. The aim of this research is to study the meaning, characteristics and tools of analysis of organizational atmosphere in credit institutions and verify the effects on human resources. The research concludes by presenting the case of a credit institution.


Contributi

Carmine Di Noia , Stefano Micossi , Jacopo Carmassi , Fabrizia Peirce
Keep it simple. Policy Responses to the Financial Crisis


Interventi

Rubriche